” INNO ALLA VITA “

d4a89dc30954253e94a28a185df5b70c.gif

La vita è un’opportunità, coglila.
La vita è bellezza, ammirala.
La vita è beatitudine, assaporala.
La vita è un sogno, fanne realtà.

La vita è una sfida, affrontala.
La vita è un dovere, compilo.
La vita è un gioco, giocalo.
La vita è preziosa, abbine cura.

La vita è ricchezza, valorizzala.
La vita è amore, vivilo.
La vita è un mistero, scoprilo.
La vita è promessa, adempila.

La vita è tristezza, superala.
La via è un inno, cantalo.
La vita è una lotta, accettala.
La vita è un’avventura, rischiala.

La vita è la vita, difendila.


 

(Madre Teresa di Calcutta)

” INNO ALLA VITA “ultima modifica: 2007-08-06T23:55:00+02:00da belella1
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “” INNO ALLA VITA “

  1. Buongiorno Gabri…
    Il tuo post mi dà l’occasione per raccontarti un episodio.
    La domenica precedente alla beatificazione di Madre teresa di Calcutta, durante la S.Messa, mi passò per la testa l’idea di recarmi a Roma per assistere alla cerimonia.
    Dopo Messa, chiedo informazioni al Prete che mi dice che necessita l’invito… dunque immagino di dover desistere e vado a casa.
    A pranzo dico di questa mia idea a mio marito, dando anche un significato a questa intuizione: Mi sento come se dovessi andare a prendere una “scorta” di energia…
    Nel pomeriggio mi metto in moto e riesco a trovare l’aggancio giusto per ottenere l’invito dalle Suore Gianelline di Roma.
    Il giovedì l’invito mi arriva per posta e così sabato sera, alle 23:30, salgo sul treno per Roma dove arrivo la mattina successiva alle 7:00… e da dove riparto alle 18 per arrivare alla stazione più vicina a casa all’una di notte…

    L’indomani vado in ufficio e tutto inizia a girare con il ritmo solito… ma quella stessa mattina il mio papà si era recato dal medico curante per un senso diffuso di malessere.
    Le analisi consigliate danno il responso: tre mesi di vita…

    Ho sempre pensato che tutto il periodo successivo sia stato sostenuto da madre teresa e dalla “scorta” di energia e fede che avevo fatto quel giorno a Roma…

    Ciao Gabri… e grazie dei tuoi pensieri…

I commenti sono chiusi.