21 pensieri su “Silenzi

  1. Buongiorno mia cara Gabry. Molto difficile commentare qualcosa su queste bellissime parole rivolte alla Tu Dolcissima Mamma che ora e’ la nei Cieli.
    Posso solo dire che ti capisco molto bene, 18 anni fa ho perso mio padre e ancora lo cerco perche’ mi manca intensamente sopratutto in questi momenti che mi sento molto sola. Un abbraccio Un Dolce Bacio alla tua Mamma e una carezza immensa a te. Sii forte cara, mia sii forte.

  2. Quel silenzio non cesserà perché è una terra sconfinata senza riferimenti di direzioni né di tramonti o albe ed in cui non esiste un cielo stellato da cui potresti ritrovare la strada… c’è invece…un cielo tempestato di ricordi come di pietre brillanti e strade pavimentate di vita vissuta e pietre miliari a distinguere i momenti che hanno formato la tua vita e l’essere insieme a lei… c’è acqua in quel mare che è liquido ed in continuo movimento per infrangersi contro una battigia la quale ha preso in deposito la sua… storia in te e le sue illusioni e incongruenze permettendoti di contenere ogni aspetto oggi di lei siuscendo a mantenerlo e a trasformarlo in qualcosa di tuo e solo tuo… c’è un suono se ascolterai bene ed è quello di una melodia che soffia nel silenzio e le note viaggiano nell’aria propagandosi infinitamente… suoni domestici… giornate di festa…richiamo a esplosioni di felicità… suoni e ricordi che sono lì in quella terra silenziosa…dimestichezza Gabriella… ora ci vuole dimestichezza con la terra del silenzio… per caricarti di questo momento e digerirlo sino in fondo come di un calice da cui dovrai bere sino all’ultima goccia e dopo averne sentito tutto l’amaro…rinascere..!

    …è il momento della forza…

    sai che in fondo…ci siamo

    ………………Uomo

    .

  3. Un soffione di cicoria amare foglioline, petali gialli, tanti paracadutini che volano via ad un debole sospiro.
    Che siamo se non un soffio in questo universo?
    Nonostante tutto rimane la nostra fragilità e il nostro smarrimento per tanti particolari di ogni giono.
    La perdita poi di una persona come la mamma lasciano sgomento e dolore che si riacutizza in ogni momento del nostro vissuto quotidiano.
    Il tuo scrivere speccchia una grande dolcezza.
    Chi sa se ingentilita dal vivere con lei?
    Buona domenica.

  4. Ti sono vicino nel trascorrere la prima festa senza la tua
    cara mamma. Di certo lei sarà comunque vicino a te.
    Io ho pubblicato l’inedita che c’è nel libro e che mia sorella ha letto a mia madre.
    Un abbraccio fraterno e serena domenica.

    Ciao Giuseppe.

  5. Carissima Gabriella, ho seguito le parole di Bri , non capivo cosa potesse essere accaduto ho seguito quel filo per comprenderne il significato, avevo aperto questo meraviglioso libro dal titolo blog … che per tanti può dire poco ma che per me assurdamente tanto vuol dire anche ora l’ho riposto nei ricordi del mio cuore, fatto di bellissimi ricordi di me e di voi tutti e mi ritrovo qui a testa bassa quasi a sentirmi in colpa per aver appreso questa triste notizia solo oggi e non essere stata presente quando forse una parola poteva essere una carezza, e con il cuore colmo di tristezza per essere arrivata ancora una volta, come oramai mi capita sempre più di frequente, in ritardo ti stringo forte e ti sono vicina … non posso aggiungere altre parole se non quelle più semplici ma più vere … ti voglio bene Gabry, sii forte … sono certa che il tuo silenzio è solo un silenzio di parole qui giù, perchè la tua voce è sempre viva e presente ora con la tua cara mamma come sempre lo è stata con il tuo amatissimo papà.
    ti stringo con infinito affetto
    Laura

  6. Quello che non si può udire
    si può sentire
    basta ascoltare quell’eco che si riperquote dentro di sè
    per ritrovare quella parte che ci manca
    una traccia indelebile che ci accompagna
    ed è la vera essenza dell’immortalità

    BriCciole………………………………………

  7. Sono qui e mi si è fermato il tempo.
    stasera mentre rientravo in casa, Laura
    mi ha guardato e mi ha detto una cosa che mi ha
    lasciato come colpito da una montagna
    che lentamente mi cadeva sul corpo.
    Ho iniziato a sentire e riascoltare
    le parole tue che molte sere leggevo.
    Le tue delicate sensazioni di quei giorni,
    giorni di parole e sentimenti che affettuosamente
    donavi a lei.
    E io mi sentivo sul viso un cenno di sorriso, per quanto
    eri speciale nel tuo donare progressi e sconforti.
    Ti sto cercando nel mio Cuore, perché è lì
    che trova posto in questo momento il mio pensiero per te
    e per la persona che hai dimostrato di amare fino all’infinito.
    Faccio fatica a scrivere, perché mi prende un nodo in gola che non riesco
    e non voglio sciogliere.
    Questa era una di quelle cose che mi avrebbe colpito
    nel profondo dell’anima, nel momento in cui
    avrei finito per non esserci e non sapere,
    non esserci e non sentire, non sentire una voce che mi avrebbe
    portato qui a viverti in quel giorno e in quei giorni.
    Ti voglio un infinito bene, Gabriella.
    E’ vero, come posso dire questo, non ti ho mai vista
    e non ho mai conosciuto la tua tenera mamma.
    Ma mi hai sempre portato l’emozione del tuo amore per lei.
    Perché in quei mesi, quando vedevo o sentivo mia mamma
    mi venivi in mente e pensavo
    che non avevo qui mai dedicato una parola a mia mamma
    mentre tu ormai la tua, l’avevi portata nelle nostre case.
    E adesso.. adesso è nella casa del tuo cuore.
    ti lascio il mio forte abbraccio nel silenzioso rispetto
    della tua compostezza, inchinandomi all’esempio di una delle persone più
    educate e ricche di rispetto per la dignità dell’essere umano
    che io abbia mai conosciuto e per come Lei,
    nell’educarti e crescerti, ti abbia insegnato a tollerare
    e accettare le avversità della vita e a valorizzarne le cose belle.
    Ti lascio la mia carezza sul vostro unico cuore.
    il mio bene.
    Cuore.

  8. Niente e nessuno può sostituirsi a lei, ma ogni giorno parole si sommeranno a parole e lentamente il dolore lascerà il posto alla consapevolezza ed all’accettazione di quanto è purtroppo accaduto ed allora gli occhi ricominceranno a guardare e il cuore a sentire mentre la musica va come sempre e incurante di quanto accade alla gente e gli accordi si susseguono eseguendo una precisa mellodia che se riporta a tempi passati è la porta per quelli che ancora devono avvenire.

    Trascorri un buon fine settimana gabriella…

    ………………….Uomo

    .

Lascia un commento